Amici della Prosa

Vota questo articolo
(0 Voti)
 
 

LA SENTENZA

di Maricla Boggio

 
 
20141212
 

LA SENTENZA

 
Maricla Boggio
 
Dramma
 
Trattasi di un incontro apparentemente casuale in un rifugio antiaereo in occasione di bombardamenti e rappresaglie riferiti ad una guerra infinita...
 
 
NUMERO COMPLESSIVO DI PERSONAGGI

Due

 
NUMERO DI COMPARSE / FIGURANTI

A discrezione della regia

TIPOLOGIA PERSONAGGI

Donna, madre di famiglia

Uomo di mezza età

 
 
SINTESI DEL TESTO

Trattasi di un incontro apparentemente casuale in un rifugio antiaereo in occasione di bombardamenti e rappresaglie riferiti ad una guerra infinita. La collocazione della vicenda, in base ai riferimenti del dialogo, è sicuramente il Medioriente.

Ad una ragazza viene ucciso il fidanzato e, per vendetta, aderisce ad un gruppo di fanatici pronti a farsi saltare in aria pur di uccidere gente che ha la sola colpa di appartenere alla fazione antagonista. La ragazza non ha il coraggio di farsi saltare in mezzo a dei bambini di una scolaresca, quindi viene scoperta ed arrestata. Le condanne che pesano sulla sua testa sono due: quella dei suoi nemici che l'hanno arrestata come terrorista e quella dei suoi amici che la considerano una traditrice.

La vicenda viene raccontata dai due protagonisti, i quali, in qualche modo, hanno dei legami di conoscenza con la madre della ragazza. In un clima quasi surreale il dialogo tra i due attori dimostra che il conflitto tra le parti potrebbe essere risolvibile con accoglienza e comprensione.

 
VALUTAZIONE

Ottima scrittura che fa riflettere sulla assurdità di tante guerre e divisioni. Lo svolgimento del dialogo affascina ed avvince, dopo la prima parte che è utile alla messa a fuoco dei personaggi si passa alla necessaria ricerca della soluzione. Dramma rappresentabile sia in forma verista che nella soluzione di “lettura teatrale” e potrebbe essere corredato di supporti audiovisivi, video foto o altro per arricchire la messa in scena.

Testo adattissimo per divulgazioni di temi così attuali nelle scuole Superiori.