Amici della Prosa

Vota questo articolo
(0 Voti)
 
 

IL PRIMO UOMO

di Gerardo Caputo

 
 
20150531
 

IL PRIMO UOMO

 
Gerardo Caputo
 
Dramma
 
La vicenda si svolge in Danimarca, in un alloggio improbabile e privo di qualsiasi mezzo di conforto dove è confinato il protagonista, lo scrittore Cèline, per alcuni anni della sua vita...
 
 
NUMERO COMPLESSIVO DI PERSONAGGI

Sei: quattro uomini, due donne

NUMERO DI COMPARSE / FIGURANTI

alcune ballerine

 
TIPOLOGIA PERSONAGGI

FERDINAND CELINE medico e scrittore
LUCETTE la sua terza moglie
UN GIOVANE visitatore
MOLLY, ex amante del medico/scrittore
UOMO, ex paziente del medico/scrittore
ROBINSON, personaggio di uno scritto del protagonista.

 
 
SINTESI DEL TESTO

La vicenda si svolge in Danimarca, in un alloggio improbabile e privo di qualsiasi mezzo di conforto dove è confinato il protagonista, lo scrittore Cèline, per alcuni anni della sua vita.

L'antefatto è dato dalla condanna a quel confino per la sua condotta antisemitica e filonazista. Quello che avviene in una sola giornata all’interno di quel tugurio è costituito da una miscellanea intelligente di realtà, ricordi e fantasia. I personaggi reali sono lo scrittore e sua moglie, gli altri sono ricordi, suggestioni e rifiuti. Anche lo stesso “giovane” che all'inizio può sembrare un vero interlocutore, con argomentazioni reali, si trasforma in una specie di alter ego fino a confondersi nelle nebbie dei ricordi nel finale.

 
VALUTAZIONE

Una sorpresa inaspettata. L’amarezza e l’inquietudine dello scrittore in esilio, deluso e trincerato dietro al suo modo di fare scontroso, emergono nel dialogo con il giovane e misterioso estimatore.

Il testo offre un’occasione per riflettere sulla memoria e sul passato, per avvicinarsi a un personaggio storico che ha vissuto drammaticamente la prima metà del Novecento e che porta nella sua anima i residui bellici e il disincanto verso la vita. Un personaggio che vorrebbe invitare se stesso e gli altri alla rabbia più che alla tristezza, pur cedendo, soprattutto verso il finale, ad essa. Il giovane – che sia reale o un personaggio immaginato dallo stesso Cèline non ha importanza – ci invita “a scambiare due parole” con i grandi di un passato non troppo lontano, a interpellare pagine di storia e letteratura per interrogarci sulla vita e sul mondo, per rinascere e farlo rinascere. Le precise indicazioni registiche permettono di immaginare nel dettaglio la costruzione dello spettacolo.

Altro in questa categoria: « Il Piave Mormorava Tre Operai »