Amici della Prosa

  • Presentazione finalisti 71° Festival nazionale d’Arte drammatica

    Presentazione finalisti 71° Festival nazionale d’Arte drammatica

    L’Associazione Amici della Prosa, sita in Pesaro, Via Zanucchi 13, comunica che a seguito del bando emesso ad inizio d’anno, sono pervenute nei termini previsti n° 104 domande di partecipazione al 71° Festival nazionale d’Arte drammatica in programma il prossimo autunno al Teatro Rossini di Pesaro.

    Dopo attenta e scrupolosa valutazione, la Commissione Selezionatrice ha ammesso all’unanimità i seguenti spettacoli (elencati in ordine di protocollo):

     

    • A VIGEVANO SI SPACCA di Mimmo Capuzzi,
      presentato dalla Compagnia Teatrale Colpo di Maschera di Fasano (Brindisi)

    • IL POVERO PIERO di R. Puliero da A. Campanile,
      presentato dalla Compagnia La Barcaccia di Verona

    • ERANO TUTTTI MIEI FIGLI di A. Miller,
      presentato dalla Compagnia Teatro di Pesaro “La Piccola Ribalta” di Pesaro

    • SETTANEME di B. Di Donato,
      presentato dalla Compagnia Teatro del Bianconiglio di Eboli (Salerno)

    • NIENT’ALTRO CHE LA VERITA’ di D. Marchigiani,
      presentato dalla Compagnia Quanta Brava Gente di Grottaglie (Taranto)

    • MORO DI VENEZIA di R. Patti da W. Shakespeare,
      presentato dalla Compagnia Teatro dell’Ovo di Marcianise (Caserta)

    • LA STRANA STORIA DEL DOTT. JEKYLL E MR. HYDE, di B. Roland e R. Zamengo,
      presentato dalla Compagnia Teatroimmagine di Salzano (Venezia)

    • IL SERVO DI SCENA di R. Harwood,
      presentato dalla Compagnia Stabile del Leonardo di Treviso

     

     

     SCARICA IL COMUNICATO       SCARICA PRESENTAZIONE FINALISTI       SCARICA LOCANDINA

     

     

    Scheda di presentazione
    dei finalisti:

    A VIGEVANO SI SPACCA!

    di Mimmo Capuzzi
    COMPAGNIA TEATRALE COLPO DI MASCHERA di FASANO (Brindisi)

    Rino Gaetano è stato un cantautore italiano ricordato per l’ironia e i “non senso” caratteristici delle sue canzoni ma, anche, per la denuncia sociale celata dietro testi apparentemente leggeri e disimpegnati. Il merito di Mimmo Capuzzi, regista ed autore di questo originale spettacolo, è quello di realizzare un intreccio teatrale e musicale. Ci viene così raccontata la storia di quattro musicisti, la loro amicizia e le personali ambizioni. Ciò avviene, all’interno di un garage, mentre i quattro sono alle prese con la scaletta di un loro importante concerto. Il finale dello spettacolo resta sospeso: che a Vigevano si possa spaccare o meno rimane un mistero. Certo è che si viene sensibilizzati, con partecipazione, ad un senso di politica e giustizia che Rino Gaetano ha nascosto nelle sue canzoni, sempre attuali.

     

    IL POVERO PIERO

    di R. Puliero da A. Campanile
    COMPAGNIA LA BARCACCIA di VERONA

    Prendendo le mosse dagli scritti di Achille Campanile, illustre umorista della letteratura del novecento, lo spettacolo mescola sottile ironia e travolgente divertimento per mettere alla berlina i luoghi comuni, le frasi fatte, i modi di dire e gli atteggiamenti più usuali che tutti noi utilizziamo anche nelle situazioni di singolare gravità. Tale è anche la partecipazione alla tristezza di una dipartita, laddove il cordoglio si esprime in un florilegio di espressioni abusate, pronto nel contempo a trasformarsi in sollievo sorridente; ma quanto più l’intreccio si avvicina allo strampalato, tanto più realistico appare il giudizio critico sulla superficialità di convenzioni e convenienze. Lo spettacolo diventa anche un sorridente invito a riscoprire la ricchezza smisurata delle parole che usiamo ogni giorno, tesoro prezioso talora misconosciuto della nostra bella lingua. Lo spettacolo inserisce anche personaggi del teatro popolare, accennando alla Commedia dell’Arte, al cabaret, al teatro di rivista e alla farsa anche quando si diverte a lambire i confini del dramma.

     

    ERANO TUTTI MIEI FIGLI

    di Arthur Miller
    TEATRO DI PESARO “LA PICCOLA RIBALTA” di PESARO

    E’un testo di rara intensità drammaturgica che ci prende per mano per condurci in una serie di riflessioni condotte immediatamente dopo la seconda guerra mondiale. Delinea la ricaduta personale e di coscienza individuale che il conflitto bellico ha generato. La vicenda pone al centro la famiglia Keller, scossa dal ritorno di Ann, un tempo fidanzata del primogenito dei Keller, disperso in guerra, e figlia dell’ex socio di Joe Keller. Ann è stata invitata da Chris, l’altro figlio dei Keller. I due ragazzi sono segretamente innamorati e vorrebbero sposarsi, ma le loro intenzioni si scontreranno con il fragile equilibrio familiare, facendo riemergere i fantasmi del passato. Più che sulla guerra in sé il testo s’incentra sulle sue conseguenze. Emerge chiaramente uno scontro di valori tra chi è andato a combattere per un ideale e chi con cinismo ha sfruttato la situazione per arricchirsi. “Questa attenzione al tema del profitto più o meno “sporco” - dicono i registi - rende il testo a nostro avviso provocatorio e stimolante”.

     

    SETTANEME

    di Bruno Di Donato
    COMPAGNIA TEATRO DEL BIANCONIGLIO di EBOLI (Salerno)

    Chi sono i “settàneme”? Sono spiriti vaganti chiamati a raccontare la loro storia. Parti recitate in cilentano antico si alternano a segmenti musicali. I protagonisti propongono una recitazione a tinte forti, su uno sfondo da inferno dantesco. Mistero e magia, oscurità e brividi con lampi di luce nella notte del tempo. Una recitazione che giunge diritta al cuore parlando il linguaggio universale dell’emozione. Eccoli alcuni spiriti vaganti, i “settàneme”: Un sacerdote che viene preso dal diavolo in persona sul suo cocchio nero. Un’adolescente murata viva dai fratelli, nel tardo medioevo, perché colpevole di essersi innamorata di un giovane del paese. Angela Russi, condannata al rogo nel ‘500 per stregoneria. “A strangulatora”che aiutava a trapassare i malati terminali dando loro una sorta di eutanasia. Nicolò De Troiano, un avvocato che venne accoltellato perché difendeva i contadini contro i baroni. Vera protagonista, però, è la Morte che, a cornice, apre e chiude la storia con una riflessione sull’idea di Giustizia.

     

    NIENT’ALTRO CHE LA VERITA’

    di Domenico Marchigiani
    COMPAGNIA QUANTA BRAVA GENTE di Grottaglie (Taranto)

    Marco, Paolo e Giovanni, tre amici con tre caratteri totalmente diversi, ma, ciò nonostante , tre amici veri (o forse no). Rapporti basati, da sempre, sulla sincerità e la lealtà (o forse no). Una moglie che non ha mai amato suo marito, tradendolo con tutti, ma mai con chi avrebbe, in questo modo, tradito un’amicizia (o forse sì). Un improbabile dio brasiliano, con tanto di foglie e lucette, che mai potrebbe influire sul corso degli eventi (o forse sì). Sono questi gli ingredienti che compongono “Nient’altro che la verità”, una commedia divertente, ma dal sapore amaro. Una commedia in cui la menzogna ed il tradimento regnano sovrani, creando situazioni comiche che si alternano a momenti forti e crudi in cui tutto sembra sprofondare nella tragedia. Cosa trionferà? La verità o la menzogna? L’amore o l’odio per un amore tradito?  L’amicizia o la slealtà? In un turbinio di emozioni forti, lo spettacolo volgerà al termine, lasciando lo spettatore con un dubbio: cosa fa più male, la menzogna o la verità?

     

    MORO DI VENEZIA – OTELLO

    di William Shakespeare
    COMPAGNIA TEATRO DELL’OVO di MARCIANISE (Caserta)

    Chi non ha sentito almeno una volta nella vita parlare di questo celeberrimo dramma? Una vigorosa tensione attraversa i personaggi che, stimolata progressivamente da Iago, sovverte non solo il legame coniugale ma anche gli animi degli altri personaggi e, con essi,la rete convenzionale dei rapporti. “Io non sono quello che sono” diventa il motivo centrale di questa tragedia dell’amore e trova in Iago lo strumento che rende esplicite le difficoltà del rapporto “ideale”. Difficoltà consumate nell’intimo delle coscienze. La Compagnia Teatro dell’Ovo riesce a proporre il lavoro in modo assolutamente efficace per passione e forza drammatica. Un grande classico che si imprime nella memoria.

     

    LA STRANA STORIA DEL DR. JEKYLL & Mr. HYDE

    di b. Roland e R. Zamengo da R. L. Stevenson
    COMPAGNIA TEATROIMMAGINE di SALZANO (Venezia)

    Il testo dello scrittore inglese R. L. Stevenson diventa, nel lavoro di Teatroimmagine, un pre-testo per immaginare nuove situazioni, per parlare di temi attuali. Si gioca e ci si diverte con il pubblico e con la maschera, ovvero con le nostre personali “pozioni”. L’atmosfera londinese, ovattata dalla nebbia, con gli odori delle sue strade e del Tamigi, i rumori dei passi e dell’acqua, le luci dei lampioni e delle case di notte, non è poi così dissimile da quella di Venezia. Anche qui si possono ascoltare i rumori dei passi nelle calli buie, l’acqua dei canali, la sirena dell’acqua alta e vedere il torpore delle luci dei palazzi e dei campielli. La nebbia londinese somiglia stranamente al “caigo” veneziano. Ecco allora che dalla bruma londinese escono il Dott. Jekyll e Mr. Hyde e, dal “caigo” veneziano, sono usciti il Dottor Jacopo e Miss Heydi, Ottone e Tellurio, ma anche Teodolinda e Lucilla, Pantalone e Fontego.

     

    IL SERVO DI SCENA

    di Ronald Harwood
    COMPAGNIA STABILE DEL LEONARDO di TREVISO

    Siamo nella provincia inglese devastata dalla seconda guerra mondiale. Una compagnia Shakespeariana, in sfacelo, gira per teatri non ancora rasi al suolo dai nazisti. Sono pochi gli attori sfuggiti al reclutamento obbligatorio. Tra il pubblico solo anziani e vedove, ma il teatro è pieno. Il prim’attore, che tutti chiamano con deferenza “Sir”, è in preda ad una crisi di nervi e piange. Il tracollo del protagonista sembra destinato a portarsi dietro, nel baratro, tutta la compagnia…ma Norman, il servo di scena di Sir, da tanti anni al suo fianco, il suo confidente, il parafulmine delle sue sfuriate, l’unico che lo sopporta, non è affatto intenzionato a mollare e ad annullare lo spettacolo. Tra superstizioni, rituali, invidie, recriminazioni, piccole soddisfazioni, grosse delusioni e intrecci dietro le quinte si consuma lo spettacolo e la vita stessa di Sir.

     

    Leggi tutto...
  • I Licei della città ed il Progetto Oh, my GAD

    I Licei della città ed il Progetto Oh, my GAD

    Ben cinque Istituti cittadini hanno preso iniziative per ricordare alla cittadinanza la ricorrenza della 70ma edizione del Festival, dando vita al Progetto Oh, my GAD. In sostanza, gli studenti si sono trasformati per l'occasione da semplici spettatori in veri protagonisti del Festival.

    Leggi tutto...
  • Convegno nazionale sul teatro non professionistico

    Convegno nazionale sul teatro non professionistico

    In concomitanza con la conclusione del 70° Festival, si tiene un convegno nazionale – tra i più importanti degli ultimi anni in Italia – che riunisce a Pesaro tutti i principali protagonisti del teatro non professionistico del Paese, nonché alcuni ospiti stranieri.

    Leggi tutto...
  • Ultimo spettacolo fuori concorso: Animali della fattoria

    Ultimo spettacolo fuori concorso: Animali della fattoria

    Dopo Copenhagen (andato in scena il 18 ottobre), il secondo spettacolo fuori concorso al 68° Festival nazionale d'Arte Drammatica è Animali della fattoria, il Musical di Alberto Manini e Stefano Calabrese, in programma al Teatro Rossini martedì 27 ottobre ore 21 per l'interpretazione della Compagnia Step di Ancona. Lo spettacolo viene anche replicato in edizione mattutina per le scuole.

    Leggi tutto...
  • Commento al IX spettacolo del 68 G.A.D. Festival: Niente da dichiarare?

    Commento al IX spettacolo del 68 G.A.D. Festival: Niente da dichiarare?

    La Compagnia "Al Castello" di Foligno (Perugia) ha presentato al Teatro G. Rossini, per il 68° Festival Nazionale d’Arte Drammatica, l'ultima commedia in concorso, "Niente da dichiarare?" di C.M. Hannequin e Pierre Veber, un tipico vaudeville, leggero e spassoso che ruota attorno alla fatidica domanda - racchiusa nel titolo - che il nobile De Trivelin sentì in viaggio di nozze e crede di sentire tutte le volte che si accinge ad un rapporto amoroso con la neo sposa; il ricordo della domanda inesorabilmente spegne, nel momento culminante, tutti gli ardori sessuali del giovane, il quale di conseguenza rimane in preda ad uno stato di particolare depressione ed avvilimento.

    Leggi tutto...
  • Commento al VIII spettacolo del 68 G.A.D. Festival: Copenhagen

    Commento al VIII spettacolo del 68 G.A.D. Festival: Copenhagen

    Abbiamo assistito con vivo interesse alla presentazione di Copenhagen di Michael Frayn a cura dei bresciani del Gruppo Teatrale La Betulla andato in scena al Teatro Sperimentale per il 68° Festival nazionale d'Arte Drammatica. Grande merito per questo impegnativo lavoro va al regista Bruno Fusca che nel 1968 ha fondato il Gruppo Teatrale dando inizio ad un'attività che ha prodotto oltre 40 spettacoli, tra cui Alcesti di Raboni, molto applaudito al nostro Festival 2014.

    Leggi tutto...
  • Niente da dichiarare?

    Niente da dichiarare?

    Martedì 20 ottobre alle 21, viene rappresentata al Teatro Rossini per il 68° Festival nazionale d'Arte Drammatica la commedia Niente da dichiarare? di Hannequin e Veber interpretata dalla Compagnia "Al Castello" di Foligno

    Leggi tutto...
  • Il Barbiere di Siviglia

    Il Barbiere di Siviglia

    Martedì 13 ottobre alle 21, per il 68° Festival Nazionale d’Arte Drammatica, torna con favorevoli credenziali al Teatro Rossini la Compagnia Teatroimmagine di Salzano (Venezia) per presentare la commedia Il Barbiere di Siviglia (in guisa dei commedianti dell'arte), di Roland e Zamengo; una vera sfida proposta proprio nella città natale di Gioacchino Rossini.

    Leggi tutto...
  • Pirandello al Festival GAD

    Pirandello al Festival GAD

    L'uomo, la bestia e la virtù di Luigi Pirandello è andato in scena con grande successo al Teatro Rossini, nel quadro del 68° Festival nazionale d'Arte Drammatica, per l' interpretazione della Compagnia Teatro Armathan di Verona che molti ricordano per aver interpretato nel 2011 al Festival pesarese la commedia La nonna di Roberto Cossa.

    Leggi tutto...
  • 68° Festival Nazionale d’Arte Drammatica

    68° Festival Nazionale d’Arte Drammatica

     

    II Festival dei Gruppi d’Arte Drammatica è la manifestazione che ha segnato la rinascita culturale della città di Pesaro dopo la tragedia della Seconda Guerra mondiale. Dopo 67 edizioni, il nostro Festival costituisce tuttora una delle manifestazioni più seguite dalle Compagnie di Prosa italiane e l’ammissione alla fase finale è sempre motivo di orgoglio per tantissimi gruppi.

    Leggi tutto...