Block [head] not found!
Stampa questa pagina
Vota questo articolo
(0 Voti)
 
 

Voglio giustizia!

di Gianluca Sposito

 
 
20190611
 

Voglio giustizia!

 
Gianluca Sposito
 
Commedia in due atti
 
Commedia con impianto legato all’umorismo napoletano, il cui testo si regge su battute in dialetto e sul comportamento macchiettistico dei protagonisti...
 
 
NUMERO COMPLESSIVO DI PERSONAGGI

8 (4 uomini e 4 donne)

NUMERO DI COMPARSE / FIGURANTI

voce fuori campo

 
TIPOLOGIA PERSONAGGI

VINCENZINO SCARPISATO: avvocato poco convinto della professione
DONNA ATTILIA: segretaria impicciona
SPERANZA IMMOBILE: cliente ricca e arrogante
PROCOPIO: guappo, ex fidanzato di Speranza
SERENA: madre impicciona di Speranza
DON CARMINE: parroco dalla parte di Speranza
GIUDICE con la passione per il canto
CANCELLIERA: adulatrice del giudice

 
 
SINTESI DEL TESTO

Commedia con impianto legato all’umorismo napoletano, il cui testo si regge su battute in dialetto e sul comportamento macchiettistico dei protagonisti.

Sono presenti tutti gli ingredienti dei lavori di questo genere: dall'avvocato titolare di uno studio , ereditato dal famoso genitore, ma poco amato e quindi poco redditizio, alla segretaria, quasi persona di famiglia, impicciona e niente affatto professionale. Dalla cliente danarosa e per questo arrogante e pretenziosa e alla di lei mamma- chioccia fino all'amante “guappo”.

Il giudice incompetente e appassionato di canzonette e la cancelliera completamente inefficiente completano il quadro di questo procedimento giudiziario mettendo l'accento su quelle che sono le caratteristiche più negative della filosofia di vita dei protagonisti e l'unica eccezione è rappresentata dal capo d'accusa che viene dibattuto: accondiscendenza dolosa, cioè un marito troppo buono, delitto inesistente che merita una pena di venti anni di carcere.

 

NOTA: testo finalista della cinquina del premio nazionale di scrittura drammaturgica “ANTONIO CONTI”edizione 2019

 
VALUTAZIONE

La commedia risulta di piacevole lettura e facile allestimento.