Amici della Prosa

Vota questo articolo
(0 Voti)
 
 

Caravaggio Perduto

di Giancarlo Loffarelli

 
 
20190614
 

Caravaggio Perduto

 
Giancarlo Loffarelli
 
Storico/Biografico
 
Rilettura storico- artistica della vita di Michelangelo Merisi da Caravaggio. Il lavoro abbraccia un arco di tempo che va dal 1592 al 1610 e spazia fra le città di Roma, Napoli, Malta e Palermo...
 
 
NUMERO COMPLESSIVO DI PERSONAGGI

16 uomini e 7 donne (interpretati da due attori e due attrici)

NUMERO DI COMPARSE / FIGURANTI

nessuno

 
TIPOLOGIA PERSONAGGI

PRIMO ATTORE: Monsignor Pandolfo Pucci - Vincenzo Giustiniani - Pieter Paul Rubens - Ranuccio Tomassoni - Monsignor Tiberio Cerasi - Pietro da Fusaccia - Alof de Wignacourt - Cardinale Scipione Borghese;
SECONDO ATTORE: Cardinale Del Monte - Giovanni Baglione - Annibale Carracci - Vincenzo Gonzaga - Papa Paolo V - Fabrizio Sforza - Ippolito Malaspina - Giovanni Rodomonte Roero - Cardinale Ferdinando Gonzaga;
PRIMA ATTRICE: domestica di Monsignor Pucci - altra Cortigiana in casa Del Monte - Fillide Melandroni - Costanza Colonna;
SECONDA ATTRICE: Cortigiana in casa Del Monte - Lena Antognetti - Prudenzia Bruni;

 
 
SINTESI DEL TESTO

Rilettura storico-artistica della vita di Michelangelo Merisi da Caravaggio. Il lavoro abbraccia un arco di tempo che va dal 1592 al 1610 e spazia fra le città di Roma, Napoli, Malta e Palermo; dalla la corte papale a quella dei Gonzaga Colonna alle altre al cui servizio ha lavorato l'artista. La vita avventurosa e travagliata del pittore permette all'autore di presentarci anche uno spaccato dei luoghi di malaffare frequentati dal popolino e da prostitute e che costituiscono lo sfondo della sua esistenza. Anche i personaggi storici che popolano la scena appartengono a due mondi diametralmente opposti: principi ed alte personalità del mondo ecclesiastico da un lato e ladri, assassini e prostitute dall'altro.

 

NOTA terzo classificato al premio nazionale di scrittura drammaturgica “ANTONIO CONTI ” edizione 2019

 
VALUTAZIONE

Dal giudizio di merito della giuria: “Nella approfondita ricostruzione storica del personaggio qui assente, l’autore ha saputo realizzare un affresco corale che svela elementi noti e meno noti, nella vita del grande pittore. Un mosaico a più voci, che attraversa classi sociali e contesti geografici diversi, che evoca quadri e opere famose. Un racconto avvincente come la vita del Merisi.