Amici della Prosa

Vota questo articolo
(0 Voti)
 
 

Hospes

di Fabio Pisano

 
 
120219
 

Hospes

 
Fabio Pisano
 
Dramma in un atto
 
Si tratta di un dramma incentrato sulle nefandezze compiute dal famoso boia papale Mastro Titta, che vive perseguitato da incubi ed allucinazioni che si collocano in uno spazio “altro” rispetto alla vita e alla morte....
 
 
NUMERO COMPLESSIVO DI PERSONAGGI

13

NUMERO DI COMPARSE / FIGURANTI

Nessuno

 
TIPOLOGIA PERSONAGGI

Direttore (della struttura) Factotum (aiutante del Direttore) Infermiera, Medico, Cuoco, Morte, Cloves, Parkinson, Lemierrre, Rohhad, Purpura, Minamata, Schindler (malattie impersonificate)

 
 
SINTESI DEL TESTO

Un atto unico centrato su un’analisi impietosa della condizione di malato, ospite mai veramente accolto in un luogo dove impiegati, medici e infermieri, spesso cinici, cercano di sottrarsi alla incombente idea di morte.

 
VALUTAZIONE

Originale la presentazione del luogo, dei personaggi e lo svolgimento.

Lo stile, che non tiene in considerazione né regole sintattiche né grafiche, mescola pensieri e parole senza apparente ordine logico seguendo l'impulso, interiore dei protagonisti rieccheggia, in parte, il periodare di Joyce.

Gli unici momenti comprensibilmente logici sono rappresentati dai discorsi del Direttore e risultano, alla luce del raziocinio, privi di ogni concretezza a confronto della reale situazione dei ricoverati.

Altro in questa categoria: « Il mantello scarlatto